Giochi per insegnare inglese ai bambini

L’inglese è ormai la lingua internazionale, utilizzata per comunicare a tutti i livelli tra paesi e culture diverse; per favorire i vostri bambini nel loro percorso scolastico e regalare loro una chance in più per avere successo nel mondo del lavoro, potete aiutarli ad approcciarsi a questa lingua finché sono piccoli, favoriti dalla loro curiosità e ricettività.

Gli strumenti perfetti per insegnare loro i rudimenti della lingua inglese sono il gioco e il divertimento, per cui potete proporre dei giochi semplici per arricchire il loro vocabolario, nonché farvi aiutare dalla musica e dai dispositivi digitali per unire l’aspetto didattico a quello ludico.

 

 

Potete attendere che vostro figlio venga introdotto dalla scuola all’apprendimento dell’inglese, integrare i suoi studi con corsi specialisti o con viaggi di studio all’estero, oppure potete aiutarlo ad arricchire il suo vocabolario e ad approcciarsi alla sintassi e alla grammatica inglese grazie ai suggerimenti che vi proponiamo in questo articolo.

Un’educazione bilingue è un ottimo strumento di crescita per i bambini, che li aiuterà nel corso del loro processo di apprendimento, sia nell’approcciarsi allo studio di altre lingue straniere, sia nello svolgere i compiti nella loro lingua madre, facilitandogli il lavoro nei confronti dei propri compagni monolingue e conferendogli una maggiore flessibilità e apertura mentale.

Un approccio giocoso

Se la vostra non è una famiglia bilingue, potete comunque decidere di far apprendere l’inglese al vostro bambino fin dai primi anni di vita, utilizzando degli strumenti idonei e mirati per la crescita e quello più importante e facile da utilizzare: il gioco.

Giocare è in effetti l’attività principale dei bambini e attraverso il gioco il loro cervello riesce ad apprendere e memorizzare molti concetti e nozioni che, spiegati con un approccio frontale come viene fatto a lezione nelle varie scuole, rischierebbero di perdersi e di non fare presa sul loro interesse.

Data la grande diffusione della lingua inglese e anche l’interesse dei genitori italiani di proporre un primo avvicinamento a questa lingua per i propri figli già in età infantile, esistono moltissimi libri, video, giochi, siti web e app dedicate, che possono essere combinati insieme per creare un progetto di apprendimento graduale e formativo, basato su strumenti stimolanti e sul divertimento, per facilitare la memorizzazione dell’infante.

In alternativa, potete anche voi realizzare dei giochi su misura per il vostro bambino, l’importante è che siate obiettivi nel valutare se il vostro livello di inglese sia adeguato per poterglielo insegnare in maniera corretta. Non è bene infatti che il vostro bambino apprenda questa lingua affidandosi a una pronuncia o una sintassi scorretta, magari frutto dei lontani ricordi del vostro inglese scolastico, perché questo potrebbe poi causargli delle difficoltà nell’affrontare l’apprendimento di questa seconda lingua, con i suoi vocaboli, le sue regole e la sua grammatica, come materia scolastica

Il momento dell’inglese

Per inserire con successo l’apprendimento dell’inglese nel processo di sviluppo cognitivo e linguistico del vostro bambino, è importante che l’introduzione di questa lingua sia fatta in maniera studiata e graduale e non per caso o come una cosa saltuaria.

L’ideale sarebbe inserirlo nella sua routine quotidiana, collegandolo a dei momenti specifici della sua giornata e partendo dagli oggetti e dalle cose che normalmente vede all’interno dell’ambiente domestico, che possono via via aumentare nel corso del tempo.

Uno di questi momenti può essere quello della merenda, in cui potete mettervi a tavola con il vostro bambino e giocare ad imparare il nome, sia italiano che in inglese, di tutti gli oggetti che stanno in cucinapremiandolo con un pezzetto di crostata o una bella cucchiaiata di yogurt alla frutta. La stessa cosa può essere fatta spostandovi nelle altre stanze, perché il vostro bambino possa padroneggiare le parole inglesi di tutti gli oggetti che lo circondano.

Una volta che avrà imparato a leggere e a scrivere, potrete anche proporgli un’evoluzione di questo gioco, preparandogli dei cartellini o dei post-it colorati, con scritto sopra il nome inglese di tutti gli oggetti della propria cameretta, della cucina, del bagno, del salotto, e affidargli il compito di attaccarli al posto giusto. Doverli collocare da solo, ricordandosi il corrispettivo italiano, e vederli sempre attaccati, aiuterà la sua memoria a ricordare l’associazione italiano-inglese e renderà la vostra casa davvero colorata!

 

 

Author: LabMaster

Share This Post On
Share This